logo

Il benessere a portata di click: l’innovazione in corsia!

Copia di gabbia-foto sitositoassociati (4)

DONA ORA SU WWW.IDEAGINGER.IT, SOSTIENI LA GINECOLOGIA ONCOLOGICA DEL POLICLINICO S.ORSOLA DI BOLOGNA

Una diagnosi di tumore ovarico si traduce quasi sempre in un intervento chirurgico, che ha un ruolo fondamentale sia a fini diagnostici che a fini terapeutici: da un’indagine dell’associazione Loto Onlus è emerso che ciò che accomuna le donne colpite è la necessità di maggiore supporto e indicazioni concrete, in particolare quando rientrano a casa dopo il ricovero e si trovano a gestire una nuova condizione che prevede stili di vita e controlli specifici. Per venire incontro a queste esigenze Loto onlus e la Ginecologia Oncologica del Policlinico S. Orsola  di Bologna hanno deciso di puntare sull’app Pinktrainer, una soluzione innovativa – è la prima nel suo genere in Italia – ed estremamente semplice da usare. Un progetto pilota che sarà oggetto di studio scientifico e potrà essere poi diffuso in altri centri di riferimento per la cura della patologia.
Pinktrainer: l’app “personalizzata” per le pazienti oncologichePinktrainer è un’applicazione – utilizzabile da tutti gli smartphone – grazie alla quale i medici del reparto possono dialogare con le pazienti e dare loro consigli e istruzioni sull’alimentazione, sul benessere psicofisico, proporre video con esercizi personalizzati, somministrare questionari sul loro stato di salute. Le pazienti, lato loro, possono comunicare giornalmente gli effetti collaterali delle terapie, il loro livello di attività fisica, parametri di composizione corporea  e molto altro. Attraverso la dashboard dell’app i medici riescono a verificare in tempo reale lo stato delle donne in cura senza ricorrere a telefonate e limitando gli accessi all’ospedale (accortezza importante in questo momento).Interagendo con Pinktrainer, ogni paziente riceverà un percorso di monitoraggio clinico e sul proprio stile di vita, che il medico potrà adattare alle caratteristiche del singolo paziente. Ogni donna avrà la possibilità di seguire un piano di attività fisica e nutrizione personalizzato, potrà segnalare direttamente dalla app eventuali effetti collaterali comuni alla malattia come affaticamento e dolori articolari, in modo tale che l’equipe multidisciplinare possa intervenire e modificare il suo piano personalizzato basandosi sulle segnalazioni ricevute.
Il costo complessivo per rendere operativo Pinktrainer è di 20mila euro: per raccogliere parte dei fondi necessari Loto Onlus ha attivato sulla piattaforma IdeaGinger la campagna di crowdfunding “Il benessere a portata di click: l’innovazione in corsia!” (https://www.ideaginger.it/progetti/il-benessere-a-portata-di-click-l-innovazione-in-corsia.html) grazie al bando Noi non ci fermiamo della Fondazione S.Orsola di Bologna. L’obiettivo della campagna è raccogliere almeno 5mila euro: raggiunta questa cifra la Fondazione triplicherà la somma fino a 15mila euro.Questi soldi servono per lanciare e sostenere il progetto per il primo anno, contribuendo all’acquisto della licenza dell’app e alla gestione della piattaforma  tecnologica con personale specializzato (impostazione contenuti, verifica e monitoraggio piani personalizzati) per 70 pazienti della Ginecologia Oncologica del Policlinico S. Orsola  che vorranno entrare a far parte di questo programma.“Rendere operativo e diffondere questo strumento sarebbe un traguardo importantissimo per le pazienti affette da neoplasie ginecologiche – spiega Pierandrea De Iaco, direttore della Ginecologica Oncologica del Policlinico S. Orsola – Oncologi, chirurghi, ma anche nutrizionisti, psicologi, fisioterapisti e laureati in scienze motorie sarebbero costantemente in contatto con le donne in cura e potrebbero guidarle giorno per giorno con indicazioni ad hoc. In particolare consigli nutrizionali e attività fisica mirata sono alleati importanti la preparazione e il recupero dagli interventi chirurgici oncologici. In questo modo avremmo la possibilità di ottenere il massimo dalle nostre terapie”.

“Loto Onlus ha fatto propria questa nuova sfida che coniuga salute, medicina e tecnologia – sottolinea Sandra Balboni, presidente Loto Onlus – Vogliamo fornire alle pazienti tutti gli strumenti affinchè il percorso di cura risulti più efficace possibile. Con Pinktrainer e la digital health si accorciano le distanze tra medico e paziente, grazie alla possibilità di mantenere un contatto continuo gli esperti per verificare aderenza ed efficacia del protocollo terapeutico e supportarlo con indicazioni alimentari e di attività fisica personalizzate”.

DONA ORA, CONTIAMO SU DI TE! https://www.ideaginger.it/progetti/il-benessere-a-portata-di-click-l-innovazione-in-corsia.html

logo

Le attività di Loto esistono grazie alle donazioni e al lavoro dei volontari. Sostienici anche tu!

logo

Associati e contribuisci a far crescere i nostri progetti.

Con una donazione sosterrai concretamente tutti i nostri progetti e permetterai di andare avanti creandone sempre di nuovi!

Durante la dichiarazione dei redditi puoi indicare il nostro codice fiscale nell’apposito sezione dedicata al 5 per mille.

Sostienici nelle attività quotidiane diventando volontario e lavorando con noi fianco a fianco!

Puoi sostenere le nostre attività scegliendo di donare ai tuoi cari un oggetto del nostro catalogo solidale.
Torna su

Tumore ovarico, l’8 maggio è la Giornata Mondiale.

Al via la campagna sociale di Loto Onlus sul tumore ovarico: è l’attrice Serena Autieri a farsi portavoce del messaggio dell’associazione, invitando dal video le donne ad approfondire il tema con il proprio medico.
logo

Il nostro catalogo solidale è qui